Cerca:
 
Hidrogest, consigli utili
per contenere i consumi idrici

La grande ondata di caldo dell'ultimo periodo ha causato un'eccezionale impennata dei consumi idrici e pone la necessità di richiamare l'attenzione di tutti in ordine alle problematiche connesse con l'approvvigionamento e l'uso dell'acqua potabile, con particolare riferimento alla necessità da parte degli acquedotti di assicurare il fabbisogno minimo di acqua per gli usi igienici ed alimentari nella stagione estiva.
Di conseguenza, perdurando questa particolare condizione climatica, e al fine di tutelare le falde e di disciplinare l'uso delle risorse idriche, bisogna che si pongano in atto tutti i possibili accorgimenti per contenere i propri consumi idrici ed evitare gli utilizzi non strettamente indispensabili, usando più oculatamente l'acqua potabile, al fine di evitare il verificarsi di disservizi ed interruzioni dell'erogazione idrica.
Pertanto, per ridurre le possibili situazioni di emergenza, limitare i conseguenti disagi e per non compromettere la regolare erogazione del servizio alla popolazione, è necessario regolamentare i prelievi di acqua dal pubblico acquedotto, limitando gli utilizzi impropri della preziosa risorsa acqua, al fine di assicurare la normale erogazione di acqua potabile per usi igienico potabili.

Per i motivi esposti in premessa è necessario che la popolazione residente o avente attività sul teritorio servito da Hidrogest S.p.A., a partire dalla data odierna e sino a nuova disposizione, riduca l'uso della risorsa idrica agli effettivi servizi potabili ed igienico sanitari, escludento l'utilizzo dell'acqua potabile erogata dal servizio pubblico acquedotto per:

  • Innaffiamento di prati, giardini, orti e campi sportivi;
  • Lavaggio di piazzali e vialetti;
  • Riempimento di piscine e giochi d'acqua;
  • Lavaggio di autoveicoli (ad esclusione degli autolavaggi);
Quanto sopra dovrà essere esteso per tutta la giornata dalle ore 7.00 alle ore 23.00, fino alla fine del mese di settembre.

Bisogna infine considerare come l'eccessivo aumento dei consumi idrici che si verificano simultaneamente nelle giornate maggiormente calde (conseguenza purtroppo dell'utilizzo sregolato a tutte le ore del giorno e della notte degli impianti di irrigazione automatica per l'innaffiatura dei giardini) oltre a sollecitare in misura sproporzionata gli impianti di pompaggio dell'acquedotto e a mettere a rischio le scorte d'acqua accumulate, creano anche forti perdite di pressione lungo le tubazioni che possono penalizzare l'erogazione verso le utenze poste alle quote più sfavorite, o servite da tubazioni di non grosso diametro.
Vi invitiamo, infine, a collaborare con noi segnalando prontamente al nostro numero verde gratuito 800/012.294 eventuali rotture e perdite idriche su reti stradali, allacciamenti e contatori, specialmente se a servizio di utenze non residenti e non presidiate.
02-07-2012
Hidrogest insieme ai
giovani alpini di Almenno

Domenica 17 giugno 2012 si è svolta ad Almenno San Bartolomeo la cerimonia di chiusura del “Campo scuola giovani alpini” organizzato dall’associazione locale degli alpini insieme a diverse altre associazioni.
A partecipare più di sessanta ragazzi che hanno trascorso quattro entusiasmanti giorni, dal 14 al 17 giugno 2012, all’interno del parco del Roccolone.
Per l’occasione sono state allestite le tende da campeggio dove bambini e volontari hanno dormito.
Quattro giorni trascorsi tra divertimento, giochi e corsi formativi, scanditi dall’alzabandiera e dall’Inno d’Italia cantato dai bambini, da corsi di addestramento, dal canto del Silenzio a chiusura della giornata e dall’immancabile falò attorno al quale, insieme ai volontari, hanno cantato e si sono raccontati storie popolari.
La Società Hidrogest S.p.A. è stata lieta di contribuire alla buona riuscita dell’evento, innanzitutto fornendo un allacciamento elettrico al campo, mediante un collegamento provvisorio con un proprio impianto di acquedotto e poi, nell’ambito dell’attività formativa del campo scuola, organizzando per i giovani alpini una visita al serbatoio dell’acquedotto che serve l’abitato di Almenno S. Bartolomeo e che si trova proprio nel Parco del Roccolone, nei pressi del campo.
A guidare la visita, che ha riscontrato l’entusiasmo di tutti i partecipanti, è stato il Dirigente Tecnico di Hidrogest Ing. Roberto Vetere.
Durante la cerimonia di chiusura e di premiazione dei ragazzi, alla presenza del Sindaco e delle autorità, è stata consegnata alla Società Hidrogest una targhetta commemorativa di ringraziamento, ritirata dallo stesso Dirigente Tecnico.

19-06-2012
Mapello inaugura la
dodicesima casetta dell'acqua

Sabato 16 giugno si è svolta l’inaugurazione del distributore d’acqua a Mapello, installato presso il parco dell’amicizia, vicino a Via del Lazzarino.
Anche per questa dodicesima casetta è stata fondamentale la collaborazione tra l’amministrazione comunale, Hidrogest e la Società Imsa.
A presentare questa iniziativa il sindaco di Mapello Michelangelo Locatelli, insieme con i vertici della Società Hidrogest, il presidente Gian Maria Mazzola e l’Amministratore Delegato Carlo Arnoldi, e Roberto Pozzoni a rappresentare la società Imsa.
L’iniziativa ha attirato l’attenzione di centinaia di persone, interessate a capire il funzionamento del distributore, ma in particolare in attesa di ricevere come omaggio da parte di Hidrogest una bottiglia in vetro da poter utilizzare per l’erogazione e la tessera gratuita, già caricata con un importo di 1€, corrispondente a 20 litri d’acqua.
Il sindaco ha voluto sottolineare i benefici che può apportare un distributore d’acqua nel proprio Comune: non solo permette ad una famiglia di quattro persone nell’arco di un anno di risparmiare oltre 300€, grazie all’opportunità di prelevare un litro d’acqua al costo di soli 5 centesimi, ma contribuisce ad apportare benefici anche all’ambiente, riducendo il quantitativo di plastica da smaltire.
Gian Maria Mazzola si è soffermato sull’importanza di far entrare nelle nostre abitazioni la convinzione che l’acqua che scende dai nostri rubinetti è buona, potabile e sottoposta a rigorosi controlli.
Dopo il taglio del nastro, un brindisi di acqua fresca tra le autorità e tutti i presenti.

Puoi trovare maggiori informazioni sul funzionamento dei distributori d'acqua qui.

18-06-2012
Hidrogest, il CdA approva
Il bilancio d'esercizio 2011

Il Consiglio di Amministrazione di Hidrogest S.p.A. ha approvato all’unanimità da tutti i componenti il bilancio d’esercizio 2011: entro la fine di giugno il bilancio verrà sottoposto all’Assemblea dei Soci per l’esame finale.
Oltre all’approvazione del bilancio, all’ordine del giorno si è discusso anche sull’affidamento ad un professionista dell’incarico di membro esterno della commissione di valutazione e controllo, in seguito alla scadenza, avvenuta in data 4 giugno 2012, della procedura di selezione.
Il dirigente tecnico di Hidrogest, Ing. Roberto Vetere, dopo aver esaminato i profili dei candidati, ha esposto una relazione e proposto il profilo più qualificato.
Il Consiglio di Amministrazione ha così attribuito l’incarico a: 
dott. arch. Filippo Carnevale di Bergamo.

11-06-2012
Responsabilità amministrativa
I cambiamenti in atto

Con il Decreto Legislativo 231/2001 viene introdotto nel sistema giuridico italiano una forma di responsabilità degli enti per gli illeciti commessi da soggetti ad essi appartenenti (amministratori, dirigenti, dipendenti).
La finalità della norma è quella di introdurre nelle aziende la cultura dei controlli interni come strumento di prevenzione dei reati.
In particolare, il Decreto ha definito che presupposto per questa responsabilità è il non aver predisposto misure idonee (modelli di organizzazione e gestione) ad evitare che il fatto venisse commesso.
Attraverso il modello di organizzazione, gestione e controllo il decreto ha previsto, a supporto dell'azienda, la possibilità di esonero dalla responsabilità qualora essa dimostri, in occasione di un procedimento penale, di aver adottato ed efficacemente attuato un modello organizzativo idoneo a prevenire la commissione di tali illeciti. L'azienda deve cioè dotarsi di un complesso di regole, strumenti e condotte costruito al fine della prevenzione dei reati e ragionevolmente idoneo ad individuare e prevenire le condotte penalmente rilevanti poste in essere dalle figure di vertice o dai loro sottoposti.

Tre sono i punti fondamentali su cui si basa questo modello:

  1. Implementazione e adozione di un modello di organizzazione al fine di: individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati, prevedere specifici protocolli, prevedere obblighi di informazione.
  2. Costituzione di un organismo di vigilanza dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo con la funzione di verificare il pieno rispetto del modello.
  3. Controllo e aggiornamento: ossia vigilare sul funzionamento e l'osservanza del modello e il compito, da parte dell'organismo di vigilanza, di aggiornarlo.
Questo modello, oltre a garantire l'esonero dalla responsabilità della società per gli illeciti commessi da amministratori e dipendenti, permette anche un maggiore presidio dei rischi relativi ai processi aziendali più significativi.
Ed è proprio da qui che deriva la scelta del Consiglio di Amministrazione di Hidrogest S.p.A. di dotarsi di un modello di organizzazione e di gestione.
La scelta si inserisce nella più ampia politica di Hidrogest di sensibilizzare alla gestione trasparente e corretta della Società, nel rispetto della normativa vigente e dei fondamentali principi di etica degli affari nel perseguimento dell'oggetto sociale.

E' stata indetta, a tal fine, una procedura di selezione di un professionista per l'affidamento dell'incarico di membro di commissione di valutazione e controllo interno (clicca qui per saperne di più).
25-05-2012
 
precedente      1    2    3    4    5    6    7    8    9    10    11    12    13    14    15    16    17    18    19    20    21    22    23     successiva